Akina Books un altro modo di pensare la fotografia

PlanaR - Akina Books Workshop - 0053

Si è concluso, lo scorso weekend (19-20-21 giugno 2014), il workshop con i creatori di Akina Books, una realtà editoriale molto particolare. Nata dalle menti di Valentina Abenavoli e Alex Bocchetto, Akina Books è una casa editrice indipendente che pubblica photobook e zine, una realtà dalle fondamenta italiane ma di base a Londra.

PlanaR - Akina Books Workshop - 0054PlanaR - Akina Books Workshop - 0052

Akina Books ha presentato il suo modello editoriale basato sulla realizzazione di edizioni limitate e interamente fatte a mano, aprendoci le porte di un mondo, quello del self publishing, inaspettatamente esaltante, coinvolgente ed evolutivo.
Akina Books oltre a parlare dei suoi progetti e lavori prodotti, ci ha immerso in una nuova idea di fotografia basata sulla progettazione di fotolibri, visti non come raccolta o susseguirsi di immagini, ma come sviluppo di un processo fotografico del tutto nuovo e differente, fatto di racconto, immagini top ma anche immagini “di scarto”, fatto da colpi di scena e transizioni.
Ma la parte focale dell’incontro non è stata solo la fotografia in quanto tale, ma soprattutto il publishing. Ci si è soffermati (inaspettatamente) su: formato del libro, tipo di impaginazione, layout, rilegatura e carta. Tutti questi aspetti, di cui certamente chiunque ha sentito parlare, sono stati ripresi in un’ottica a mio avviso del tutto nuova. Valentina e Alex ci hanno raccontato la loro visione del photobook facendoci comprendere come ogni cosa del libro ha la sua rilevanza nel progetto finito: come una forma del libro può determinare una particolare chiave di lettura, o un layout possa creare non solo continuità ma anche vuoti e assenze fondamentali nello scorrere delle imagini, come anche un affiancamento di due o più immagine debba essere studiato nei minimi dettagli in modo da poter essere fondo di un concetto che deve essere strettamente connesso a tutto ciò che l’autore del libro vuole comunicare, ed infine la rilegatura. Mi sono sorpreso di quanto la rilegatura possa avere un ruolo così determinante in un lavoro di realizzazione di un fotolibro inteso in questo modo, in cui tutto è curato nei minimi dettagli ed è fatto al fine di dare e creare un unico corpo con le immagini presentate, ma alla fine, pensandoci attentamente, è evidente come la rilegatura può essere così fondamentale in quanto è proprio il mezzo che unisce la storia a livello fisico, cioè che tiene insieme il corpo del lavoro.

All’interno della giornata del workshop abbiamo analizzato vari layout, varie forme di libro possibili in base al tipo di narrativa o finalità del lavoro, e infine abbiamo scelto le opportune rilegature.
Ogni ospite all’incontro ha portato un proprio lavoro che Valentina e Alex di Akina Books hanno analizzato sapientemente ed insieme, con un lavoro di brainstorming da parte di tutti i partecipanti, abbiamo analizzato i singoli lavori, tratto da ognuno di essi una sintesi possibile e per ciascuno abbiamo realizzato un dummy. Il tema del incontro era “Archeologia al contrario: indagine sul territorio” e ogni dummy realizzato racconta un aspetto di questa tematica vista da ognuno dei partecipanti all’incontro; tutti i dummy dei lavori sono stati poi raccolti in un cofanetto (anch’esso sapientemente realizzato a mano da Alex).

Ci sarebbero un'infinità di altre cose da raccontare riguardanti le cose apprese in queste 3 giornate così intense, ma ovviamente non è possibile raccontare qui tutto nei dettagli 😉

Un ringraziamento speciale, oltre ad Akina Books, va fatto a Planar neo-associazione no profit con sede a Bari dedicata alla "crescita della fotografia nei suoi molteplici aspetti: un luogo di discussione, dibattito, ricerca e formazione sulla fotografia contemporanea", che per la prima volta a Bari ha portato qualcosa di estremamente nuovo, fresco e differente da tutto, sostenuta e fondata da 4 ragazzi davvero in gamba, che oltre a credere moltissimo nel loro progetto, hanno creduto nelle potenzialità di un territorio come la Puglia e nello specifico Bari (e questo è davvero da ammirare).

Planar ha sede a Bari presso l'Hotel Imago (Via Altamura 24, 70022 Bari) in cui è presente un bookshop e cafè aperto da martedì a sabato negli orari 11.00-13.30 e 16.00-20.30. Inoltre all'interno dello spazio sarano allestite mostre di e sulla fotografia come quella sugli Akina Books.
Sul sito di Planar è possibile trovare informazioni sui prossimi incontri in programma con le modalità di partecipazione.

All'interno del bookshop potrete inoltre trovare e visionare il cofanetto realizzato in questo workshop con all'interno tutti i dummy dei partecipanti